Alimentazione

Il diabetico ha bisogno di un'alimentazione del tutto simile a quella delle altre persone non malate.

Il bambino ed il giovane devono mirare ad una crescita equilibrata in altezza e peso, accompagnandosi ad una normale attività  fisica, mentre l'adulto l'obiettivo è il raggiungimento e/o il mantenimento del normopeso, conducendo l'attività  sociale, lavorativa e sportiva che gli è abituale. 

Tre sono gli elementi fondamentali nel trattamento della malattia diabetica:

  • dieta
  • attività  fisica 
  • trattamento farmacologico 

Controllo ottimale della dieta

L’approccio nutrizionale rappresenta il trattamento di base anche in considerazione del fatto che circa un terzo dei pazienti diabetici può essere compensato con la dieta e che, nei pazienti in trattamento farmacologico, ciò consente il mantenimento al minimo della terapia.

Un efficace controllo del diabete, in qualunque stadio e di qualsiasi tipo, è dunque possibile con il controllo ottimale della dieta.
Essa si propone i seguenti scopi:

  1. Fornire le calorie sufficienti per raggiungere e mantenere il peso corporeo nei limiti fisiologici;

  2. Fornire un’alimentazione razionalmente ottimale dal punto di vista qualitativo;

  3. Consentire la migliore regolazione dei valori glicemici durante le 24 h mediante la più opportuna scelta degli orari dei pasti;

  4.  Contribuire a prevenire le complicanze acute del diabete insulino trattato e quelle croniche del diabete in genere come la nefropatia autonomica, l’ipertensione e le malattie cardiovascolari (CVD).

Gli obiettivi comportamentali e clinici specifici di ogni paziente vanno poi discussi, negoziati e stabiliti singolarmente.
A conferma dell’importanza della dieta nel trattamento del diabete, diversi studi hanno dimostrato che il programma di trattamento del diabete deve mirare al raggiungimento dell’ ipoglicemia per ritardare la comparsa o rallentare la progressione delle complicanze, suggerendo che la nutrizione può essere considerata l’elemento critico, fondamentale, nel trattamento del diabete, ai fini del raggiungimento di un efficace controllo della glicemia nei pazienti.
L’American Diabetes Association ha proposto, nel corso degli anni, diverse linee guida sulla nutrizione, in cui inizialmente era prevista una percentuale di carboidrati intorno al 40%, poi aumentata fino al 55-60%, le proteine erano fissate in quantità  pari a 0,8 g/kg e i grassi erano inferiori al 30%; nel 1994 è stato proposto un nuovo schema basato su una percentuale fissa di proteine (10-20%) e una variabile di grassi (con meno del 10% di grassi saturi) e carboidrati da valutare in base allo stato nutrizionale del paziente.
Sono stati inoltre inclusi saccarosio ed altri zuccheri semplici nel piano alimentare del diabetico.

Linee Guida per una sana alimentazione