Alimentazione

Diagnosticato il diabete va posta maggiore attenzione all'alimentazione.

Il cibo è composto da:

  • carboidrati (amido/zuccheri)
  • grassi
  • proteine
  • fibre
  • vitamine e sali minerali
  • acqua
  • alcool

I carboidrati rappresentano il carburante più importante per il nostro organismo, come la benzina per l'automobile e sono fondamentali nella diete del diabetico per il controllo glicemico.  Per tutti, in una sana ed equilibrata alimentazione, più della metà delle calorie dovrebbe provenire dai carboidrati.

L'apporto calorico calibrato è necessario per tutti per mantenere un peso corporeo ideale, soggetti diabetici e non. Non va dimenticato che dipende anche da  costituzione fisica, sesso, età, statura e attività lavorativa.

La quota complessiva giornaliera di carboidrati non dovrà superare il 50-55% delle calorie totali, purché almeno l’80% di essa sia costituita da amido ed il restante 20% da zuccheri non insulinodipendenti e fibre.
Le fibre vanno assunte in quantità elevate, soprattutto quelle idrosolubili, in grado di rallentare l’assorbimento intestinale dei carboidrati e del colesterolo.
Le proteine devono costituire circa il 15%-20% delle calorie totali ed almeno un terzo deve essere formato da proteine animali, ricche di aminoacidi essenziali.
Le rimanenti calorie (25%-30%) devono essere fornite da grassi, possibilmente di origine vegetale, ad alto contenuto di acidi grassi polinsaturi, utili nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.
Anche l’apporto di vitamine e sali minerali deve essere adeguato.

Lo scambio fra gli alimenti e gli equivalenti
Ciascun alimento può essere sostituito da altri, purché appartenenti allo stesso gruppo; è possibile anche la sostituzione fra alimenti appartenenti a gruppi diversi, purché abbiano contenuto simile di nutrienti.
Nella dieta per diabetici, il sistema dello scambio fra gli alimenti permette di pianificare i pasti a seconda dei vari gusti.
Un modo per scambiare gli alimenti mantenendo inalterato l’apporto calorico è quello di raggrupparli in base al loro contenuto in zuccheri.